La lingua tagliata

Lingua01

Bui quei tempi in cui qualcuno [1►- 2►] considera una minaccia coloro che rivendicano il diritto di usare la “lingua propria” e dimenticano che tra i primi articoli della Costituzione c’è scritto: “La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”.

> Ricerca di Jacques Mehler sulla rivista “Science” in cui si dimostra le capacità cognitive superiori dei bilingui rispetto ai monolingui. [1.►2.►3.►4.►]

> Dichiarazione dei diritti dell’uomo (in lingua friulana ). []

> Dichiarazione universale sui diritti linguistici (Barcellona, 1996). []

> Dichiarazione sui diritti delle persone appartenenti alle minoranze nazionali o etniche, religiose e linguisitiche (Risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, 1992). []

> Costituzione italiana. []

> Risoluzioni del Parlamento europeo sulle minoranze (Arfè 1981, Kuijpers 1987, Killilea 1994). []

> Carta europea delle lingue regionali o minoritarie (1992). []

> Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali (Strasburgo, 1995). []

> Legge 15 dicembre 1999 n.482 – Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche. []

Tag:

3 Commenti a “La lingua tagliata”

  1. Mariangela Forgiarini scrive:

    Grazie per queste precisazioni. Ne avevo proprio bisogno. Mai come in questi giorni, su emeriti giornali, ho letto tanti articoli dai toni sprezzanti sulla nostra lingua friulana. (con la questione dialetti , la lega ci ha fatto proprio un bel regalo!…) E ogni volta mi viene una rabbia! Tanti anni di duro lavoro per averne la tutela e oggi critiche feroci da giornalisti che parlano solo di “contributi a pioggia”! Il catalano è nobile, il friulano no!

  2. Ricart scrive:

    Cuissà. Forsit no vin masse di bacilâ. I Furlans a son restâts Furlans – cu la lôr lenghe e il lôr mût (anarchic e suspietôs) di viodi il mont – cuant ch’a son rivâts i Venezians, i Francês, i Austroungarics, chei sdardanons dai Talians, e cumò chei dordei dai Padans. E mi sa ch’a restaran Furlans – simpri plui miscliçâts e imbastardîts, che cheste e je la lôr storie – ancje cuant ch’a rivaran i Cinês.

  3. Michele scrive:

    Pasolini, dula sestu???