TrasparEnte /3

Trasparente03

EFFICIENZA E TRASPARENZA NEL SETTORE PUBBLICO
di Sandro Venturini

Trasparenza, efficienza, produttività nella pubblica amministrazione non sono certo temi nuovi. Da quasi 20 anni se ne parla. Talvolta dando fiato alle trombe della retorica. Talvolta introducendo concreti atti migliorativi. Il primo che si ricorda è Bassanini []. L’ultimo l’attuale ministro Brunetta []. Tra i più competenti e meno ideologici il giuslavorista Pietro Ichino. Nel suo sito itnernet raccoglie una ricca e utile serie di “buona pratiche” che possono sostenere le amministrazioni comunali nello sforzo di farsi più vicine al cittadino e di migliorare la qualità e la trasparenza dei loro servizi [].
In linea generale, i cardini dell’ammodernamento delle pubbliche amministrazioni – secondo gran parte degli esperti – dovranno ispirarsi ad alcuni principi:
> Mettere il cittadino al centro della programmazione e della rendicontazione (trasparenza).
> Dare la possibilità ai cittadini di valutare la qualità dei servizi erogati (qualità percepita) quale stimolo del miglioramento continuo della pubblica amministrazione.
> Introdurre una nuova logica di programmazione e controllo di gestione (Piano e relazione di performance, sistemi di valutazione, Commissione ed Organismi indipendenti di valutazione):
> Rafforzare il collegamento tra retribuzione dei dipendenti pubblici e performance (premiare chi merita e sanzionare chi non lavora).
> Istituire un organismo indipendente di valutazione della performance, in seno ad ogni amministrazione, che garantisca dall’interno la definizione e l’implementazione dei sistemi di valutazione, nel rispetto dei modelli di buone prassi.
Anche per il Comune di Gemona questi cambiamenti diventeranno imprescindibili. Per questo sarà necessario intraprendere questo cammino con un’ottica di un vero miglioramento del servizio al cittadino.

Tag:

I Commenti sono chiusi