Meglio orti che mal Urbanizzati

Orto03

Sarà perché il ricordo è ancora fresco, ma quando i gemonesi sentono parlare di «terrazzamenti» e di «altane» cominciano a insospettirsi. L’articolo uscito sulla stampa locale due giorni fa [] ha riportato subito alla mente ciò che successe alcuni anni orsono alle spalle della casa dello studente. Anche se passato per lo più sotto silenzio, fu uno scempio. Il «percorso vita», ancora oggi chiuso [1►], è lì a dimostrare in tutto il suo squallore come si possa in due giorni di pala meccanica [2►] annichilire un luogo storico e prezioso dal punto di vista paesaggistico e ambientale [3► 4►]. Invece di ripulire e rispristinare le vecchie mura e i vecchi terrazzamenti, carichi di secoli di memoria, l’amministrazione comunale di allora, pienamente concorde l’assessore al bilancio Paolo Urbani, decise di radere al suolo quasi tutti i muri a secco [5►] per sostituirli con orribili argini massicci [6► 7►].
Ora, hanno diritto i gemonesi di dubitare delle affermazioni del sindaco Urbani quando sostiene candidamente: «Sarà nostra premura ridare a quell’area così pregevole del colle la sua dignità. Prima estetica […], poi anche funzionale»? Hanno diritto i gemonesi di dubitare del senso estetico di certi amministratori dopo quanto hanno già sperimentato? [8►]

Tag: ,

4 Commenti a “Meglio orti che mal Urbanizzati”

  1. Michele scrive:

    il ritorno degli orti viventi…

  2. SBak scrive:

    … il problema è che certi danni restano e cancellano in un attimo storia millenaria.
    Che ne sarà dell’edificio di via Altaneto che un tempo ospitava gli anziani e che ora si vuole svendere? Possibile che questa amministrazione che si dichiara così attenta a valorizzare il centro storico non abbia un’idea per realizzare un edificio ad uso pubblico in quel sedime?
    Alcune idee: la casa delle associazioni, uno spazio espositivo e di incontro con una sala per conferenze, la nuova biblioteca …
    Niente da fare! Meglio lasciare in svendere un pezzo della nostra storia a qualche speculatore edilizio …

  3. Sandro scrive:

    Se qualcuno ha utilizzato indebitamente del suolo pubblico per realizzare degli orti è bene che l’amministrazione comunale, se ha davvero un progetto di riqualificazione del sito, se ne riapporpi.
    In ogni caso:
    1. graze a quanti hanno conservato questo luogo, pulendolo dalle starpaglie nate dell’incuria dell’amministrazione e sistemando qualche muretto a secco.
    2. diamo l’opportunità a chi ha volontà e non dispone di un fazzoletto di terra, di coltivare un orticello. E’ una passione doppiamente salutere, favorisce l’attività fisica e garantisce alimenti sani. Il comune di Gemona, come fanno molti altri comuni, metta a disposizione qualche lotto di terreno pubblico, non utilizzato, per questa finalità.

  4. [...] pubblicate alcuni giorni fa sulla stampa locale [►] – e di cui avevamo già dato notizia [►] – hanno prodotto effetti. 1.L’intervento stizzito e amareggiato di Franca Gubiani [►], [...]