Un «vero» patto con Gemona

Stretta_di_mano01

Davanti alle recenti notizie sull’occupazione nel nostro territorio, la politica non può stare in silenzio e attendere il corso degli eventi. La crisi – in particolare in alcuni settori industriali – sta esibendo tutti i suoi negativi effetti []. Calano gli ordini. Cala la produzione. E aumenta il rischio di lasciare per strada lavoratori, famiglie, persone che quotidianamente incontriamo per strada. È una crisi sociale, questa, che non si gioca lontano dalle nostre vite, nelle «piazze affari» o nei «portafogli» di certi speculatori. Di qui le responsabilità che anche le amministrazioni locali devono assumersi. Di qui la necessità di discuterne in pubbliche assemblee, di raccogliere proposte, di prospettare soluzioni condivise, di mettere in campo azioni efficaci. Di qui il recente appello delle forze politiche di minoranza del comune di Gemona, che hanno avanzato al sindaco Paolo Urbani la richiesta di convocare urgentemente un consiglio comunale straordinario per discutere della crisi economica e occupazionale. Con l’obiettivo di compiere una seria analisi della situazione, di individuare le risorse da poter mettere a disposizione, di intraprendere azioni che favoriscano il sostegno alle fascie più deboli e aiutino la ripresa economica. Con la consapevolezza che è davvero ora di stipulare un vero «Patto con Gemona», da costruire tra tutte le forze politiche sui punti programmatici decisivi per il nostro paese. Ché da soli non si va molto lontani.
[QUI il testo della richiesta di convocazione del Consiglio comunale]
[QUI il relativo comunicato stampa]

Tag: ,

Un Commento a “Un «vero» patto con Gemona”

  1. Luca scrive:

    Crisi: la minoranza chiede il consiglio
    MV 20.12.09

    GEMONA. Hanno saputo superare divergenze politiche e d’opinione i consiglieri di minoranza di Gemona, firmando, da destra a sinistra, una richiesta urgente di convocazione del consiglio comunale per discutere della situazione di crisi che sta interessando il gemonese. Anche alla luce degli 80 licenziamenti di recente scattati per gli ex lavoratori della De Simon spa e degli esuberi, fortunatamente rimandati a luglio dalla cigs in corso, in seno alle gemonesi Siat e Pittarc. «La grave crisi occupazionale ed economica ci preoccupa fortemente – dichiarano i consiglieri di minoranza – . Molti cittadini già stanno subendo gravi ripercussioni dovute alla difficile congiuntura, ma ora si profilano addirittura perdite di molti posti di lavoro. Per questo chiediamo al sindaco di convocare urgentemente il consiglio Comunale». Richiesta che come detto è stata sottoscritta in modo congiunto da tutti i consiglieri di minoranza. L’hanno firmata, infatti, per il centro sinistra Mariolina Patat, Sandro Venturini e Giacomino Dorotea, per il centro destra Giuseppe Tiso, Barbara Zilli, Lucio Copetti, Gianpaolo Londero e Matteo Benvenuti, che dichiarano: «Riteniamo sia compito dell’amministrazione comunale fare il punto della situazione, per poi individuare urgentemente possibili interventi a sostegno delle persone e delle famiglie in difficoltà, alcuni dei quali già indicati nel programma del sindaco Urbani, che riteniamo vadano attuati celermente insieme ad altri, che noi siamo pronti a suggerire». «Infine è necessario creare le prospettive per una rapida ripresa economica – concludono i consiglieri -. L’amministrazione deve definire una chiara politica di sviluppo con il coinvolgimento di tutti e allocare rilevanti risorse per darne concreta e rapida attuazione». (m.d.c.)