Free-ûl

Freeûl

In dì di vuê ducj si jemplin la bocje di «federalismo». Ma chi di nô s’int viôt avonde pôc. Siben che tal articul V de Costituzion taliane al sedi scrit a clâr: «La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento». A nô invesit nus pâr che la politiche di vûe e stedi colant di gnûf te vuate dal nazionalisim, ch’al sedi talian, padan o ancje «furlanist». Alore o vin di resisti, come ch’o vin resistût altris voltis tal passât di cheste tiere. E par resisti bisugne formâsi une cussience e inmagjinâ insieme ce ch’o volarìn sei. E magari ancje cognossi e memoreâ i moments plui alts de nestre storie. Come chei 3 di Avrîl dal 1077 ch’a àn segnât la nassite dal unic moment ch’o vin vût un flic di autonomie politiche cu la fondazion dal principât gleseastic dal Patriarcjât di Aquilee.
Doman ai 9 di Avrîl, aes 6 di sere te glesie di S. Micjêl, Pier Carli Begot, ricercjadôr de Universitât dal Friûl, al fevelarà sul teme: «La Patrie dal Friûl intal contest european». L’incuintri al è stât volût de Ministrazion di Glemone cu la colaborazion dai conseîrs di minorance Mariolina Patat e Barbara Zilli. Une ocasion par pensâ di li ch’o vignìn e sore dut li ch’o volìn lâ. Cuntun voli sul «locâl» e un, viert e ospitâl, sul «globâl».

Tag: ,

I Commenti sono chiusi