Ancora acqua

Pioggia

La questione dell’«acqua bene comune» sta mobilitando molte persone a Gemona. Accanto alla nostra proposta in Consiglio comunale di inserire uno specifico riferimento sul diritto all’acqua all’interno dello Statuto [] – proposta al momento sospesa in vista della prossima assemblea pubblica – negli ultimi mesi è stata organizzata più d’una iniziativa. L’ultima vedrà la luce all’interno della manifestazione «I colori del vento» [], che prenderà il via domani, sabato 8 maggio alle ore 17.00 presso l’ex chiesa di San Michele, con un convegno promosso dall’Ecomuseo delle acque del Gemonese []. Titolo: «Acqua bene comune. Torino, Fagagna e Cercivento: tre città a confronto». Tre testimonianze per tre diverse modalità di governo del patrimonio idrico, ma accomunate dalla fedeltà agli interessi inviolabili della comunità: l’acqua come risorsa collettiva che va garantita a tutti. Interverranno: Federico Scarso, rappresentante Ecomuseo delle acque del Gemonese; Aldo Burelli, sindaco del Comune di Fagagna; Dario De Alti, sindaco del Comune di Cercivento; Francesco Nannetti, coordinatore del Comitato Acqua Pubblica; Stefano Risso, rappresentante ATTAC Torino (Associazione per la Tassazione delle Transazioni Finanziarie e l’Aiuto ai Cittadini).

Tag: , ,

3 Commenti a “Ancora acqua”

  1. Sandro V. scrive:

    Inizieremo anche la raccolte delle firme per i 3 referendum sull’acqua pubblica promosso dal FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA

    http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/
    http://www.youtube.com/watch?v=0M0S9iR6iQs

  2. sara scrive:

    Grazie Sandro.
    Dove si potrà andare a firmare a Gemona?

  3. admin scrive:

    In questi giorni per i referendum sull’acqua si potrà firmare:
    - sabato 15 maggio dalle ore 19.30 alle 23.00 presso il Pub in Piazza del Ferro;
    - domenica 16 maggio dalle ore 10.00 alle 17.00 a Sant’Agnese (tempo permettendo);
    - mercoledì 19 maggio dalle ore 20.30 durante l’incontro con Riccardo Petrella presso il Centro di Salcons.

    Per poter firmare è necessario un documento di riconoscimento.