No Logo

NoLogo

Era l’unica solida certezza che avevamo in merito alla «Città dello sport e del benstare». E ora sembra sgretolarsi. Dal luglio scorso, 10 mesi or sono, il sindaco di Gemona, in tutte le sedi e in tutte le maniere (anche finanziate con i soldi dei contribuenti), va sbandierando che «Abbiamo il Logo Ufficiale!» Alcuni esempi, presi dalla stampa: 1.►; 2.►; 3.►. Il «logo ufficiale» era questo: .
Era. Perché abbiamo appena appreso che, dopo aver commissionato lo studio all’affermato artista gemonese Carlo Venturini, il Comune ha fatto retromarcia. E ha incaricato un altro professionista. In gamba, certo. Collabora con grande competenza e disponibilità anche con noi di «Con te Gemona». La questione è un’altra, e solleva alcuni interrogativi. Quali motivazioni nascondono questi repentini cambiamenti? Quale lungimirante progettualità sottende alla «Città dello sport» se non si è nemmeno capaci di individuare in modo definitivo un professionista per lo studio grafico? E la «polpa» del progetto dove sta? C’è qualche documento che ne parla? Non sarebbe il momento di metterlo sul piatto, a disposizione dei cittadini, confrontando le idee con loro? E, soprattutto, non sarebbe ora di coinvolgere le associazioni sportive di Gemona, che della «Città» non sanno nulla? Mentre magari avrebbero proposte, suggerimenti, risorse da mettere a disposizione? Da parte nostra, qualora l’attuale maggioranza fosse disponibile, c’è la massima apertura a discuterne e a individuare insieme strategie per migliorare l’offerta sportiva e i servizi alla persona della nostra cittadina. Per il bene e il «benstare» di tutti.
[QUI le delibere di affidamento e di approvazione del nuovo Logo per la «Città dello sport»]

Tag: ,

3 Commenti a “No Logo”

  1. Anonimo scrive:

    E’ possibile leggere la delibera di affidamento dell’incarico per il logo all’artista Carlo Venturini?

  2. admin scrive:

    Così, “su due piedi” una delibera specifica non siamo riusciti ad individuarla. Ma scavando meglio forse un documento ufficiale esiste. Anche questo conferma la difficoltà, per il cittadino, di raggiungere l’informazione che cerca.

  3. Anonimo scrive:

    scusate la domanda, ma come si fa a mettere in “VISTA la propria disponibilità manifestata”?