Il «San Michele» cammina, ma per strade tortuose

Strada_tortuosa2

Sempre tortuose e difficili da intendere le vie della politica. Ci eravamo appena un po’ confortati per la tregua sulla questione della chiusura dell’ospedale di Gemona [] che già si affacciano nuove nubi. Quasi fosse un fiume carsico: imprecisate «forze» che macchinano contro il «San Michele», a favore di altri presìdi ospedalieri.
È infatti di qualche giorno fa la notizia della bocciatura, da parte della maggioranza di centro-destra in consiglio regionale, dell’emendamento del consigliere PD Sandro Della Mea di abrogare la norma contenuta nella Legge Regionale 13/1995 «Fasola», in cui, per l’ospedale di Gemona, si prevede uno studio di fattibilità se possa individuare se possa svolgere o meno la funzione di presidio ospedaliero. Come dire che, secondo la legge in vigore, non si è ancora definitivamente deciso se l’ospedale di Gemona rimarrà ancora tale. L’avevamo sostenuto anche noi mesi addietro, sottolineando come la legge «Fasola» fosse ancora lì, intatta nei suoi obiettivi [].
Dubbi che ricadono innanzitutto sull’UDC, partito in cui milita il sindaco di Gemona Paolo Urbani. Perché non far buona la proposta di Della Mea chiarendo una volta per tutte la situazione e affermando, nero su bianco, che Gemona entra in rete con Tolmezzo e non viene declassata? Siamo sicuri che non si voglia mantenere uno spiraglio aperto per un prossimo futuro così da portare a termine ciò che oggi non è riuscito, cioè l’eliminazione di Gemona dal sistema ospedaliero regionale? Dubbi che non sono stati fugati nemmeno dal sindaco Urbani. Che infatti non è intervenuto in questi giorni, come fece con i soliti roboanti proclami mesi addietro.
Ancora una volta si è dimostrata corretta la nostra posizione, cioè l’importanza di creare un «arco» politico fra tutte le forze gemonesi a difesa dei diritti e degli interessi di questo territorio. È così difficile comprendere che il modo di governare la nostra cittadina negli ultimi 10/15 anni ci sta condannando all’isolamento e al ruolo di comprimari nella competizione regionale?
[QUI il comunicato stampa di Della Mea]

Tag: ,

I Commenti sono chiusi