Alea iacta

Dadi

Il dado è lanciato. Enzo Cainero sarà il project manager della «città dello sport». Venerdì scorso si è presentato davanti alle associazioni gemonesi durante un incontro a palazzo Boton. Assente il sindaco, è stato l’assessore Stefano Marmai a fare gli onori di casa. Cainero è stato chiaro fin dalle prime battute: «Il progetto è ambizioso. Il mio impegno è capire qual è la situazione e su quella intervenire. Il primo passo è la verifica della fattibilità. Se da questa verifica emergeranno criticità, ridurremo la portata del progetto. Dobbiamo evitare di fare ‘doppioni’. E avremo bisogno del sostegno dei comuni vicini». Gemona, secondo Cainero, ha un «plus» che dovrebbe costituire l’ossatura della «cittadella»: la presenza dell’Università e della Facoltà di scienze motorie.
Durante l’incontro, al quale erano presenti soprattutto associazioni culturali, d’arma e del volontariato sociale, sono stati anche lanciati il «nuovo» logo [], ottimamente realizzato dal grafico gemonese Walter Saidero, e la campagna promozionale del progetto. E qui si sono viste le prime facce titubanti nei presenti, che hanno chiaramente colto, da una parte, il fatto che il Comune di Gemona abbia ormai lanciato la «Città dello sport», mentre, dall’altra, il project manager stia ancora valutando le reali possibilità del progetto. E infatti Cainero ha concluso dicendo: «È un impegno difficile e improbo, ma io ci spero e ci conto».
Al momento quindi è problematico fornire una valutazione, tanto è inconsitente la proposta. Certo, in un periodo di crisi economica, decidere di investire risorse finanziare per un progetto di questa ampiezza comporta l’assunzione di evidenti rischi. Che speriamo, a progetto realizzato, diano risultati positivi per Gemona.

Tag: , ,

4 Commenti a “Alea iacta”

  1. Carlo scrive:

    Ero alla riunione con le associazioni… come mai il vicesindaco non è venuto all’incontro… ma è stato giù al bar di fronte il municipio… mentre Marmai e Cainero presentavano il progetto di ‘punta’ di questa amministrazione? Vi sembra una cosa normale considerato che anche il sindaco era assente?

  2. Pieri scrive:

    ———– (frase eliminata da Admin)… forse non aveva colto l’importanza istituzionale del momento…

  3. Matteo Ermacora scrive:

    1. Spero che il compenso che i cittadini gemonesi dovranno devolvere a Cainero sia reso pubblico quanto prima. 2. tempi e obbiettivi devono essere chiariti. 3. Meno buonismo su questo progetto – ricordo che solo con il cambio di logo se ne sono andati altri 2000 euro – e anche su quelli della Pro Glemona che sono sostanzialmente in linea con gli anni precedenti. 4. Con tutti i problemi che ci sono mi sembra che il principale compito dell’amministrazione sia quello delo snellimento burocratico delle sagre, 5. La vera inagurazione della nuova piazza del ferro sarà la “festa sulla spiaggia…”. Imperdibile. Cordiali saluti Matteo Ermacora

  4. Sandro Venturini scrive:

    Per onestà mi pare di avere intravisto il Vice Sindaco presenziare almeno alla prima parte dell’incontro (la presentazione di Cainero).
    Ma la cosa potrebbe confermarcela anche lui direttamente, considerata la sua assidua frequentazione del ns. blog.