Immagina, Gemona

Gemona - Foto: Claudio Tuti

Da oggi 15 luglio al 18 Gemona ospiterà, per la prima volta nella nostra regione, il Festival internazionale di multivisione. Una nuova forma d’arte. Come definirla? Ci proviamo. La multivisione fonde insieme la fotografia , musica e tecniche multimediali, dando vita a cortometraggi di alta qualità e originalità, in cui ogni singolo fotogramma è il risultato di una complessa sequenza con effetti ad opera d’arte nel contesto tematico e musicale. Il risultato: il tutto, l’insieme delle immagini e della musica, è più della somma delle parti. La creazione di un’immagine simbolico-emozionale, che lascia un di più indicibile in comprensione dei temi sviluppati. Ecco. Meglio andarla a vedere. Così ognuno potrà darne la sua definizione. L’occasione è da non perdere. Il programma è ricco di eventi, presso il Sociale e la piazza Garibaldi. Sarà presente anche Todd Gipstein, uno degli autori più affermati a livello fotografico della National Geographic, nonché «pioniere» della multivisione. Il titolo «Gemonaimmagina» ci sembra contenere un interessante messaggio: immaginare il nostro paese da prospettive nuove, inesplorate, con l’occhio dell’artista, il più adusato a certe perlustrazioni creative, che fanno emergere la bellezza ancora nascosta. Ci auguriamo che questo Festival sia soltanto il primo di una lunga serie, che potrebbe rendere Gemona famosa nel mondo della multivisone. Il festival, inoltre, è un’altra prova che la nostra comunità, specialmente attraverso le associazioni di volontariato come l’eccellente «Gruppo fotografico», ha delle potenzialità plurime che vanno ben oltre il solo ambito dello sport, che non possono non essere valorizzate e sostenute dall’amministrazione comunale.
[Per ulteriori informazioni, QUI il sito del fotografo gemonese e organizzatore dell’iniziativa Claudio Tuti]

Tag: ,

I Commenti sono chiusi