Prospettive nuove per nuovi vecchi

Carnia donna anziana

Stefano Rupil era di Villa Santina, ma gemonese di adozione. Faceva l’educatore per anziani presso il Servizio sociale dei Comuni. Scomparve prematuramente nel 2007. Alcuni colleghi, familiari e amici, a oltre un anno dalla morte, vollero dedicargli un convegno, a partire da alcune sue intuizioni e dal suo «stile» professionale. Portava per titolo: «L’animazione degli anziani nella montagna friulana: le ragioni di un servizio». Fu un’occasione per riflettere sulla nostra società, che invecchia, e in cui i servizi di animazione-educazione per gli anziani si dimostrano fondamentali per il miglioramento della qualità della vita. Nel nostro contesto, poi, vi sono delle peculiarità, legate al paesaggio montano, alla struttura demografica, ai ruoli familiari, agli elementi economici e culturali. Nuove e vecchie sfide che furono approfondite durante due giornate di studio tenute a Villa Santina e a Gemona.
Ora, di quel convegno sono appena usciti gli atti per i tipi della Forum []. Un corposo volume curato dal ricercatore dell’Università di Udine e amico di Stefano Claudio Lorenzini. Un lavoro prezioso per individuare nuovi percorsi in una società che, nonostante tutto, cambia.
[QUI il volantino delle due giornate di studio del 2009]

Tag: , ,

I Commenti sono chiusi