Ater-aggio

Atterraggio

Da Fly è «atterrato» all’Ater. Dal petrolio all’edilizia residenziale pubblica. Il gemonese Paolo Pittini, azionista della «Fly carburanti indipendenti» di Osoppo, è diventato presidente dell’«Ater Alto Friuli». Designazione, da quanto appreso, voluta dall’assessore regionale all’ambiente e lavori pubblici Elio De Anna. Scelta adeguata, secondo alcuni; inopportuna, secondo altri, se compiuta nell’ottica dell’esperienza sul campo e della competenza.
Negli ultimi 5 anni l’Ater ha realizzato o completato 34 alloggi, di cui 4 a Gemona, impegnando 5,3 milioni di euro. Ha in corso la costruzione di 28 ulteriori alloggi, di cui 2 a Gemona, per un totale di 4,7 milioni di euro. Sta inoltre avviando la realizzazione di 41 alloggi e l’acquisto di altri 10. Infine, l’Ater Alto Friuli è intervenuto nella manutenzione straordinaria di diversi alloggi, per un totale di 4,7 milioni di euro.

Tag: ,

4 Commenti a “Ater-aggio”

  1. L.P. scrive:

    Scusate ma dov’era la “politica gemonese” mentre si decideva questa nomina? Già in ferie?

  2. Gordon Gekko scrive:

    Tutto il mondo è paese.
    Le cariche pubbliche si conferiscono per interesse politico, non in relazione alla capacità delle persone di ricoprire un ruolo.
    Il Friuli Venezia Giulia non fa eccezione; certo è lontano dagli eccessi romani, partenopei o siciliani, ma il sistema è il medesimo. Solamente più sobrio.
    Mi chiedo quali competenze abbia acquisito il neo-presidente, se qualcuno abbia dato un’occhiata alle modalità di gestione delle sue imprese, quali fossero gli altri possibili candidati.
    Spero di sbagliarmi.

  3. Paolo P. scrive:

    In quale elenco bisogna inscriversi per partecipare alla selezione per la presidenza dell’ATER ?
    E quali requisiti bisogna possedere?
    Non sarà mica che la stessa “politica” che chiede rigore ed efficienza alla macchina pubblica poi si comporta diametralmente in modo opposto?