Basterebbe poco per far crescere la democrazia

Piantina

Ancora un rinvio. Per la seconda volta il consiglio comunale ha rimandato a data da destinarsi gli ordini del giorno e le mozioni sul tema dell’acqua, che dovevano essere affrontati durante l’assise di lunedì scorso 29 novembre []. La causa è stato il dibattito sul crocefisso, che ha riscaldato gli animi e allungato i tempi, stimolando molti consiglieri che solitamente tacciono a dire la loro. Così il sindaco Paolo Urbani ha ritenuto di procedere oltre, lasciando inascoltate e inespresse le richieste del comitato che ha raccolto le firme contro la privatizzazione dell’acqua e la petizione popolare per la difesa dell’acqua bene comune []. Un segno, questo, che mostra quanto siano distanti le istanze della società civile dalle dinamiche del governo cittadino e quanto invece servirebbe allargare gli spazi di discussione democratica. Basterebbe poco. Basterebbe riunire due tre volte in più all’anno il consiglio comunale. Non servirebbe un grande sforzo. Ma darebbe un altro sapore e un altro volto alla vita civile del nostro piccolo paese. Per il momento, non ci rimane che attendere la convocazione del prossimo consiglio, nella speranza di poter discutere di un tema vitale. Come l’acqua.

Tag:

I Commenti sono chiusi