La conquista dello spazio

Classe

Da alcune analisi internazionali sulle competenze degli studenti [] emerge quanto attrezzature ed edifici scolastici abbiano un effetto decisivo sull’apprendimento e la formazione, più di quanto si pensasse fino a qualche anno fa. Pare addirittura esserci un rapporto direttamente proporzionale fra l’estensione spaziale delle scuole e le performance ottenute dagli allievi. Tanto che molti Paesi – a differenza dell’Italia, come al solito – investono sempre di più sulle strutture e non solo sul corpo docente, anche perché pare non esserci una proporzionalità diretta tra numero degli insegnanti per studente e rendimento degli stessi.
Ci fa molto piacere, allora, apprendere la notizia che il liceo scientifico «Magrini» di Gemona, da anni afflitto dal problema della carenza di spazi, ha appena ottenuto un cospicuo finanziamento di 2 milioni di euro per ampliare la struttura scolastica. Il progetto, la cui gara di appalto partirà a breve, prevede l’allargamento dell’ala sud-ovest e l’innalzamento di un piano. In totale 11 aule in più. Previsto anche uno spazio panoramico da adibire a laboratorio astronomico.
L’ampliamento del liceo sarà anche un’occasione di sviluppo dell’offerta formativa, che oggi comprende, accanto al più tradizionale e collaudato indirizzo del «liceo scientifico», il percorso delle «scienze applicate», che fornisce competenze negli studi afferenti alla dimensione scientifico-tecnologica.

Tag:

3 Commenti a “La conquista dello spazio”

  1. Mariangela scrive:

    Come genitore di un ragazzo che frequenta il Liceo Magrini leggo con molta soddisfazione questa bella notizia. Anche se mio figlio non usufruirà di queste positive modifiche, mi conforta sapere che il nostro Liceo diventerà in futuro una scuola più confortevole e più attrezzata. Nell’attesa però, qualche sforzo in più per la sostituzione del materiale didattico obsoleto potrebbe essere fatto già adesso!…

  2. Anonimo scrive:

    Congratulazioni al glorioso Liceo!

  3. Anonimo scrive:

    Erano parecchi anni che la Provincia aveva promesso questo intervento… finalmente!