La musica è la cura?

Concerto

Quanto è importante la musica nella vita dell’uomo moderno, che sia rock, pop o metal? È vero che viviamo di narrazioni musicali, di colonne sonore che scorrono su una vita troppo spesso cresciuta nella precarietà e nello spaesamento? La musica è diretta. Colpisce le viscere prima ancora di arrivare alla corteccia cerebrale, se mai ci arriva. La musica può essere un’arma di libertà, o almeno una traccia, uno spazio di resistenza. La musica, forse, più che un’espressione artistica è una condizione esistenziale. Da comprendere e interpretare.
Oggi, sabato 29 gennaio nella sala Taboga 13 in via Osoppo verrà presentato il video musicale «Una nota è la cura», realizzato con la partecipazione dei Gang Bang, Alba Caduca, Da Est, Bad Memory, Simone Piva & Viola Velluto, The Moon, Trabeat.
Il video inedito, interamente girato a Gemona, è frutto della collaborazione e dell’unione dei diversi gruppi musicali ed espressione artistiche quali writers e video-makers, dimostrando il valore della realtà artistica del nostro territorio.
Il progetto, sotto la direzione artistica di Matteo Bellotto, è stato realizzato con il sostegno finanziario del Comune di Gemona del Friuli e della Provincia di Udine, e conclude il Festival della musica e della cultura di Gemona, promosso dalla Casa per l’Europa in collaborazione con le associazioni Studio Revolver, Musicologi, Upon a dream e Bravi Ragazzi.
La serata inizierà alle 18.30 con il saluto delle autorità e la presentazione del progetto; alle 19 verrà proiettato il video «Una nota è la cura» e dalle 20.00 avrà inizio l’esibizione live dei Gang Bang, Alba Caduca e Da Est.
[QUI il trailer del video]

Tag:

I Commenti sono chiusi