Per l’alto mare aperto

Barca a vela

Per i «nativi digitali» – come vengono definiti i giovani cresciuti a Google e Facebook - le nuove tecnologie di comunicazione sono un oceano avvincente per lanciarsi «per l’alto mare aperto» del futuro. Mentre per gli «immigrati digitali» – per coloro che sono cresciuti prima dell’avvento della cibernetica «spinta» e che magari non sono altro che genitori, nonni o insegnanti dei primi – la tecnica ancora spaventa, è un attrezzo da maneggiare con cautela, foriero di rischi e di insidie. Entrambe le posizioni hanno un che di vero: internet è uno strumento impareggiabile per comunicare, formarsi, conoscere la realtà, ma anche un medium inaffidabile, superficiale, insidioso. Come per ogni techne bisogna padroneggiarne le potenzialità e i difetti.
Domani sera, venerdì 25 febbraio, alle ore 20.00 presso l’Auditorium dell’ISIS D’Aronco la rete territoriale per il benessere [] propone un incontro con Romeo Tuliozzi, responsabile della Polizia Postale di Udine. La serata, a cui sono invitati genitori, insegnanti e adulti con funzioni educative, ha come titolo «Le nuove tecnologie: se non le conosci le subisci. Aspetti penali connessi ad un utilizzo improprio di internet & co.»

Tag: ,

I Commenti sono chiusi