Afasie politiche

Foglio bianco

Lo scorso novembre avevamo inoltrato al sindaco di Gemona un’interpellanza a risposta scritta [] per conoscere le attività e i programmi dell’«Agenzia a sostegno dei giovani e delle famiglie», istituita in alternativa alla nostra «Consulta per la famiglia», che avrebbe dovuto avere funzioni di monitoraggio, consultazione e proposta per la giunta comunale. Crediamo infatti che l’ente locale debba continuare a farsi carico della condizione di difficoltà che molte famiglie vivono in questo momento di crisi economica e sociale. E lo fa tanto più se istituisce tavoli di confronto e di concertazione in cui definire strategie e priorità di azione.
Il sindaco Paolo Urbani ha atteso oltre due mesi e alla fine ha risposto. Non servono grandi interpretazioni sullo stile e i contenuti della lettera del primo cittadino []. Si commenta da sé.
Da parte nostra, non possiamo fare altro che sollecitare il sindaco e gli assessori competenti affinché provino a mettere in campo anche a Gemona azioni politiche più partecipate, favorendo l’ascolto delle istanze che provengono dai cittadini e dalle opposizioni, attuando processi di maggiore coinvolgimento dei «portatori di interesse» presenti nel nostro paese e non temendo continuamente l’assedio se qualcuno si fa portavoce di opinioni divergenti. Una seria e sana amministrazione pubblica si vede non solamente nelle cose che «fa», ma anche nel «come» le fa.
[QUI la nomina dei componenti dell’Agenzia per la famiglia citata nella risposta del sindaco]

Tag: ,

I Commenti sono chiusi