Da amare e rispettare

Tagliamento

Nomen omen, dicevano gli antichi, perchè nel nome è racchiuso il destino delle cose.
Così, nel titolo del documentario «Tagliamento fiume da amare e rispettare», di Rino Della Bianca e Archimede Martinis, previsto per stasera al cinema Sociale di Gemona alle ore 21.00, è racchiusa l’essenza e lo scopo di un nuovo progetto sul Tagliamento, culla di comunità e casa per le creature che ancora riescono a sopravvivere in questa nostra civiltà tecnologica e post-industrializzata.
Solo coloro che abitano lungo le sponde di questo fiume, così importante per l’equilibrio di un ecosistema così vasto da non immaginarselo nemmeno, dove convivono miriadi di specie animali e vegetali; solo da coloro che lo vivono pienamente poteva nascere l’impulso di condividerne le bellezze, per fermarsi un attimo a contemplarne l’armonia.
Così, giorno dopo giorno, il naturalista Martinis, e l’amico Della Bianca, fotografo e cineasta, entrambi di San Paolo al Tagliamento, hanno deciso di racchiudere buona parte di questo tesoro in decine di foto e riprese, effettuati in anni di appassionato girovagare, dalle quali è stato selezionato un filmato, commentato dalla voce di Licio De Clara.
Dopo essere passato a Dignano, Morsano al Tagliamento e a S.Paolo di Morsano, tocca ora Gemona, con l’intento poi di estendere l’opportunità di far vedere le meraviglie del nostro fiume a tutte le genti dei comuni rivieraschi e alle scuole, allo scopo di rendere tutti più consapevoli del tesoro in cui vivono, un tesoro da conoscere, per non poter poi fare a meno di amare e proteggere ad ogni costo.
In sala saranno presenti gli autori. Interverranno Angelo Floramo, docente di storia alle scuole superiori, e Irio Iob, direttore Auser Provincia di Udine. Il documentario è proposto dalla sezione locale dell’Auser nell’ambito del progetto “Il volontariato locale tra cittadinanza attiva e diritti”.[ap]

Tag: ,

I Commenti sono chiusi