L’elenco

Quaderno

Sono passati esattamente due anni dall’insediamento dell’attuale consiglio comunale. Era il 25 giugno 2009 quando la giunta Urbani assumeva l’impegno di realizzare il suo ambizioso programma, che chiamò «Patto con Gemona» []. L’abbiamo preso in mano. E stilato un elenco. Degli impegni non realizzati (o ancora da realizzare). Prendete nota.

Emergenza Fine Mese: più soldi alle famiglie e giù le tasse
- Riduzione della tassa sui rifiuti, dei costi dell’acqua e della depurazione intervenendo sull’assemblea dei sindaci dell’ATO per le tariffe, rivedendo gli accordi con il CAFC e l’ITALGAS, sveltendo il servizio e riducendo i costi alle famiglie.

Patto con i giovani
-Prestito d’onore a basso tasso d’interesse per studenti che devono completare gli studi e per giovani che intendono aprire una prima attività.
- Buoni casa per giovani singoli e per le giovani coppie per contenere i costi degli affitti.
- “Carta Giovani” per acquisti agevolati tramite apposite convenzioni con i commercianti gemonesi.
- Apertura di un “portale” specificatamente riservato ai giovani.
- Attivazione strumenti e mezzi di informazione e formazione gestiti direttamente dai giovani.
- Progetto “Giovani on air”, ovvero la Web-radio dei giovani.
- Supporto economico alle iniziative di giovani volte a realizzare progetti nuovi ed innovativi.
- Sportello per l’imprenditoria e il lavoro giovanile.
- Progetto per l’informazione/formazione dei giovani sull’uso consapevole delle nuove tecnologie, in particolare legato ai rischi dell’elettrosmog.

Patto con gli anziani
- Progetto “Sicuri a casa propria”: assicurazione a carico del Comune ed un’articolata campagna informativa contro furti, truffe, danni e contro i malintenzionati; attivazione di un Numero Verde gratuito per l’assistenza ed intervento immediato delle forze di polizia in caso di necessità ed emergenza.
- Progetto “Salute”: miglioramento dell’assistenza domiciliare medico-infermieristica, creando un valido ed efficace polo ambulatoriale di base per il Distretto di Gemona e garantendo medicine gratis ed a casa per gli anziani soli e malati.
- Progetto “Difesa della pensione”: […] prezzi agevolati per gli acquisti di beni di maggiore necessità tramite apposite convenzioni con i commercianti gemonesi.

Difendiamo il nostro ospedale
- Investimenti immediati sulla struttura ospedaliera di Gemona per garantire la conformità alle norme di sicurezza e per sanare il degrado.
- Liste di attesa con la predisposizione di liste di priorità per gli anziani, i disabili e le persone affette da gravi patologie.
- Potenziamento dei servizi del Policlinico Universitario in accordo con l’Azienda Sanitaria di Udine.

Città più sicura, pulita ed ordinata. Meno burocrazia e più efficienza comunale
- Modifica dei Regolamenti Comunali con meno carte, obblighi e costi a carico dei cittadini, potenziamento del portale e dei servizi di e-government semplificando la vita a cittadini ed aziende nei rapporti con il Comune, sviluppo efficace dell’informatizzazione comunale, uso del VOIP per le telefonate, attivazione di un servizio di informazione tramite sms, […], carta di identità elettronica, stop agli sprechi e alle spese inutili con il miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia dei servizi comunali, riduzione dei tempi per le pratiche amministrative.

Progetto rilancio del Centro storico
- Elaborazione di un progetto urbanistico complessivo avviando un concorso di idee al fine di definire un migliore assetto dello stesso, con interventi diretti ad una migliore coerenza e compatibilità complessive delle sue funzioni ed ad una maggiore chiarezza morfologica dello spazio urbano.

Fare il non fatto
- Acquisizione per un suo pubblico utilizzo del Palazzo Scarpa, ex sede Banca Popolare, nel Centro Storico.

Patto per l’ambiente
- […] Istituzione di una rete di monitoraggio permanente per il controllo dall’inquinamento del territorio
- Riqualificazione ambientale e progetto di utilizzo di siti particolarmente pregiati quali il Laghetto Minisini, S. Agnese, la Chiesetta di S. Anna, […].

Pari opportunità
- Assicurazione comunale gratuita per le casalinghe di età compresa tra i 55 e i 65 anni che prestino assistenza alle persone anziane o ai bambini.
- Corsi di formazione per le donne che assistono persone con autonomia compromessa ed istituzione di un apposito Albo Comunale.

Tag:

Un Commento a “L’elenco”

  1. P.F. scrive:

    certo che soprattutto sui giovani si è lavorato tanto?
    … dimenticavo le feste …. che però nel programma non vedo.