Sim, un passo avanti

Sim Carnia
di Sandro Venturini

SIM non è solo l’acronimo della schedina dei nostri cellulari, ma anche l’abbreviazione di Sistema Informativo Montano. Si tratta di uno strumento per far emergere, sistematizzare e condividere le conoscenze degli elementi peculiari di un territorio, i suoi punti di forza e di debolezza. È una base dati valida per gestire e sviluppare efficacemente un ambito territoriale, un’infrastruttura aperta ed accessibili a operatori pubblici e privati, o anche singoli cittadini. In breve, un SIM consente di conoscere gli assi portanti sui quali può svilupparsi una determinata area.
Da qualche anno in Carnia si sta lavorando per realizzare un SIM []. Uno dei requisiti peculiari di questo strumento è lo stimolo ad una ampia e diffusa partecipazione dei cittadini, delle realtà economiche, politiche, sociali, associative, culturali, nella raccolta dei dati e degli elementi che costituiscono le specificità dell’area. Attraverso un semplice “click” [] si possono segnalare informazioni che rappresenteranno la base per la definizione della Carta dei Valori. È così che si comincia a vedere comparire sulla carta geografica i diversi punti d’interesse [], i “punti di eccellenza” , quelli che, valorizzati nell’ambito di un progetto in rete, possono garantire la loro conservazione o il loro recupero e stimolare nuove economie.
Abbiamo già segnalato nella nostra proposta Disegnare scenari di futuro per Gemona [] come questi strumenti siano decisivi se si vuole davvero iniziare un ragionamento sistemico sullo sviluppo del Gemonese. La Carnia è un passo avanti. Noi che cosa aspettiamo?

Tag:

I Commenti sono chiusi