Spese oculate

Spese oculate

Nell’ultima variazione di bilancio del Comune di Gemona – la quarta del 2011 – c’è stato un ulteriore aumento del capitolo n. 4321 “Promozione turistica”. Ulteriori 26.500 euro per un totale di 299 mila euro, che vanno ad aggiungersi al capitolo n. 3012 “Gemona Città dello sport e del benstare” con altri 325 mila euro. Totale 624 mila euro. Nel solo 2011. Fatti due conti, il comune di Gemona spende oltre 1.700 euro al giorno per la “Città dello Sport” e la promozione turistica. Sono investimenti appropriati? Soldi ben spesi? A oggi nessuno può realmente dirlo, in quanto manca la pur minima verifica dell’efficacia degli interventi. Del resto nessuno degli attuali amministratori si è premurato di definire gli obiettivi e gli output da raggiungere e nemmeno sono state condotte mappature e analisi di processo. Siamo molto lontani dagli standard che seguono alcune aziende private (e oggi anche alcuni enti pubblici) quando attuano un progetto o danno avvio a un nuovo investimento. La politica – questa politica – invece ci ha abituato ad andare “a pelle”, a valutare la bontà delle azioni politiche “a naso”, alla logica del “cumbinìn”. Crediamo sia tempo di cambiare. Le risorse economiche sono e saranno sempre meno e quindi vanno utilizzate con oculatezza e soprattutto attraverso l’impiego di strumenti di analisi e di verifica delle priorità e dei risultati.

Tag: , ,

I Commenti sono chiusi