C’è una torre sotto il duomo

Scavi torre sotto il duomo

C’è una torre sotto il duomo di Gemona. Una vecchia torre medioevale che scende dal sedime della chiesa fino a porta Udine per oltre 8 metri. Quasi certamente fu edificata per motivi difensivi. Nei secoli, persa la sua funzione, venne ricoperta e divenne un ossario. Vi furono gettati i resti provenienti dallo smantellamento dei cimiteri entro le mura cittadine. Ora, grazie all’infaticabile lavoro di alcuni volontari, la torre è stata svuotata e i reperti ossei passati al setaggio, lavati, datati e catalogati. La loro analisi, tuttora in corso, sta fornendo informazioni preziose riguardo alla dieta, alle condizioni di vita e di salute dei defunti. Tra i resti sono stati trovati anche altri reperti: monete, suppellettili, medaglie votive, elementi lapidei.
Tra i volontari che hanno partecipato all’opera di scavo, Alberto Della Signora – studente universitario diplomato lo scorso anno a pieni voti al Liceo “Magrini” – che all’Esame di Stato ha presentato una tesina dedicata alla torre del duomo. Della ricerca, rivista e ampliata, si discuterà questa sera, giovedì 9 febbraio, alle ore 20.30 presso l’auditorium “San Michele”. Accanto ad Alberto Della Signora interverrà l’archeologo e direttore degli scavi Davide Casagrande. L’incontro è promosso ed organizzato dall’associazione “Valentino Ostermann”.
[QUI alcune slide della tesina dedicata alla torre sotto il duomo]

Tag:

Un Commento a “C’è una torre sotto il duomo”

  1. Mariangela F. scrive:

    Vorrei fare i complimenti ad Alberto per averci illustrato con passione e chiarezza i lavori che hanno portato alla luce la torre sotterranea del Duomo. Sapevo ben poco sull’argomento, come penso purtroppo gran parte della nostra comunità. Giovedì sera è stata una bella occasione per conoscere più da vicino questo angolo nascosto della nostra Gemona che aggiunge ricchezza al nostro patrimonio culturale. Spero che al termine dei lavori e delle ricerche si possa allestire un vero e proprio museo per dare il giusto rilievo a questa scoperta preziosa.