Gemona sott’occhio

HAL9000

Quarantaquattro occhi scrutano i gemonesi. Giorno e notte. Sette giorni su sette. È la rete di videosorveglianza comunale avviata nel 2003 all’interno del progetto “Strategia di rassicurazione della comunità civica” sostenuto da finanziamenti regionali. Il sistema, basato su collegamenti wireless (via radio), è gestito dalla polizia municipale. Dalla stazione operativa di Palazzo Boton è infatti possibile tenere sotto controllo in tempo reale le zone coperte dall’occhio elettronico. A breve, grazie a un contributo regionale di 80 mila euro, sono previsti un ampliamento di altre 6 telecamere e la sostituzione di alcuni collegamenti wireless con fibra ottica.
I 13 siti in cui sono localizzate le 44 telecamere sono:

Localizzazione telecamereNumero telecamere
Totale44
1Università e
ex chiesa delle Grazie
3
2Magazzini Comunali
via Osoppo
2
3Polisportivo Comunale1
4Cimitero Comunale1
5Scuola Elementare
Piovega
3
6Parcheggio S. Bartolomeo9
7Piazza Garibaldi1
8Piazza del Municipio2
9Piazza del Ferro e
parcheggio interrato
10
10Parco pubblico di
via Dante
2
11Scuola Media Statale3
12Stazione Autocorriere
(Torre Orologio)
4
13Parcheggi Comelli e
Bertagnolli
3

Con il potenziamento della rete di videosorveglianza la giunta Urbani dà sèguito a uno dei punti prioritari del programma elettorale, in cui si prevedeva anche il «pattugliamento […] notturno dei vigili urbani», l’«aumento delle forze di polizia» e il progetto “Sicuri a casa propria” («assicurazione a carico del Comune ed un’articolata campagna informativa contro furti, truffe, danni e contro i malintenzionati; attivazione di un Numero Verde gratuito per l’assistenza ed intervento immediato delle forze di polizia in caso di necessità ed emergenza»).

Tag:

2 Commenti a “Gemona sott’occhio”

  1. Anonimo scrive:

    Servono davvero?
    La criminalità a Gemona è così alta?
    Quanti e quali reati sono stati seventati con questo sistema?
    Non si sta forse strumentalizzando la paura?
    Tutti questi soldi in un momento di crisi sono ben spesi?

  2. Anonimo scrive:

    Ma voi sapete che la maggior parte delle telecamere discolate sul territorio sono scatole vuote e hanno solo lo scopo di deterrenza?
    Si possono comprare anche su internet.
    http://microtelecamere.it/telecamere-finte.htm