Numeri

Numeri

Spesa sostenuta dall’amministrazione comunale di Gemona per l’acquisto di uno spazio redazionale sulla stampa locale al fine di celebrare la partecipazione di Oscar Pistorius alle Olimpiadi di Londra 2012:

Acquisto spazio redazionale per celebrare Oscar Pistorius3.630

[QUI la determina relativa all’acquisto dello spazio redazionale]

Tag:

10 Commenti a “Numeri”

  1. Francesca L. scrive:

    Vi prego, fermate queste oscenità. Con tutti i problemi che ha Gemona, queste spese sono un insulto a chi paga le tasse e a chi vive in condizione di difficoltà. Ma è possibile che non ci sia qualche consigliere comunale vicino al Sindaco che alzi la voce e che si indigni? I “giovani” assessori Marmai, Cargnelutti e il vicesindaco non hanno niente da dire? Questi soldi non potrebbero essere usati dai loro assessorati per migliorare la vita dei gemonesi? Ormai l’abbiamo capito: questa è pubblicità pre-elettorale. Una vergogna, che fa il paio con quanto stiamo vedendo succedere nel resto d’Italia.

  2. Paola scrive:

    Ma pagano gli sponsor privati, mica il Comune.
    Tutta pubblicità per loro e per Gemona.
    Così ci conoscono in tutta Italia.

  3. S.M. scrive:

    ma quali sponsor privati??? quest’anno se il sindaco prende 30.000 euri di sponsor potrà star contento….. intanto però ne spenderà almeno 400.000 per la città dello sport…… andate a guardare un pò i conti……. qua buttano soldi a palate x cose che non servono a niente ….. se non a fare campagna elettorale….. vi sembra che noi commercianti stiamo meglio da quando c’è questa giunta??? ma non facciamoci ridere!!!

  4. Anonimo scrive:

    Anch’io sono commerciante ma non mi aspetto nulla dal sindaco, chiunque esso sia… l’unica cosa che pretendo è che la città sia vivibile ed i servizi funzionino perchè per quelli pago le tasse. Possiamo discutere se il livello dei servizi è all’altezza di una città come Gemona.
    Nessuno ci ha obbligato a fare il lavoro di commerciante e non possiamo certo esigere dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province o dai Comuni sovvenzioni, non siamo nella vecchia URSS! Al limite mi aspetto che lo Stato ci renda la vita più facile, ci metta nelle condizioni di aprire e mantenere un’attività anche se, in realtà, questi signori che fanno politica a Roma in questi giorni stanno finendo di massacrarci… questa è la vera tragedia.
    E il punto, purtroppo, è che sono tutti uguali, dalla PDL al PD passando per l’UDC perchè sono questi signori che stanno affossando l’Italia e gli italiani, con manovre e scelte che condannano le piccole attività ed impoveriscono le famiglie senza intervenire seriamente su chi i capitali ce li ha e senza dare speranza al Paese.

  5. paolo scrive:

    di certo, la situazione è dura per tutti, per ogni professione sembra… in tutte queste difficoltà, il fatto che il Comune spenda soldi per pagare il soggiorno a Pistorius con tanto di pernottamento in albergo è a dir poco paradossale. Il sindaco invece dice che così in giro per il mondo si parla di Gemona. Grazie sindaco, sei davvero un grande, ma sarebbe meglio che il soggiorno di Pistorius lo pagassi con i tuoi soldi.

  6. Anonimo scrive:

    Più che banalizzare o fare della facile retorica sul soggiorno di Pistorius, credo sarebbe più logico fare proposte ed analizzare la questione utilizzo dei soldi pubblici sotto un’altra forma.
    Abbiamo servizi sufficienti? Quali eventualmente sono carenti? E’ un uso improprio delle risorse o mancanza di attenzione in merito ad eventuali servizi di basso livello?
    Rispondiamo a questo e poi polemizziamo eventualmente su Pistorius .
    La questione può essere legata ai serivizi ma la domanda dovrebbe essere posta in questi termini: l’Amministrazione (per quelle che sono le sue competenze) sta sacrificando servizi concentrandosi solo sull’immagine della città?
    Compito dell’Amministrazione credo sia anche quello di promuoverla la città e quindi creare interesse attorno ad essa sotto diversi punti di vista, culturali, sportivi, turistici, anagrafici, economici. Sinceramente non mi spaventano i soldi utilizzati per Pistorius, se dietro a questa scelta ci possono essere benefici per l’intera città senza riduzione della qualità dei servizi.

  7. greta scrive:

    Avrei un quesito da porre: Ma si sà qualcosa del famoso coordinatore del progetto città dello sport che se non ricordo male dovrebbe costare sui 8000,00 €. nominato alcuni ormai mesi fa da una apposita commissione comunale??? e non mi riferisco al sig. Cainero.

  8. Franesca L. scrive:

    Ad Anonimo:
    Ha ragione….. compito dell’Amministrazione è anche quello di promuovere la città. Come si fa a misurare se la promozione funziona? Ad esempio analizzando i dati sul turismo. Lei li ha per caso visti? Da quanto mi è dato sapere Pistorius non ha portato un alto numero di turisti a Gemona. I dati sono stabili da anni, forse un po’ in calo. Sono stati spesi quasi 150.000 euro per lui e la squadra del Sudafrica. Hanno reso quello che ci sono costati? Con quei soldi si potevano attivare più borse lavoro per i giovani, sostenere studenti con basso reddito, attivare servizi di doposcuola, costruire la famosa casa dell’acqua, migliorare i percorsi turistici del centro storico, migliorare la povera mostra sul terremoto, senza contare alle infinite eigenze dei servizi sociali…….. Serve altro?…….. Lei pensa che negli altri comuni si buttino tutti questi soldi nelle attività sportive e soprattutto che i sindaci spendano tutti questi soldi in paginoni sui giornali e con lettere alle famiglie?……. Forse è il caso che si informi………

  9. Giulia scrive:

    @ Anonimo
    Va bene, parliamo di cose concrete.
    In alcune ore a Gemona il traffico è pari a quello di una città, in particolare nella strada che va dalla stazione all’ospedale; e allora, bisogna fare urgentemente una rotonda nella zona del sottopassaggio di Piovega e una di fronte alla stazione, bisogna aumentare e incentivare il trasporto pubblico, bisogna costruire percorsi per poter andare a piedi o in bici con sicurezza, bisogna mettere i parcheggi a pagamento, così si disincentiva l’uso delle auto private.
    A Gemona non esiste una zona pedonale dove ci si possa incontrare, fare la spesa, bere un caffè e comparare il giornale, come succede in molte città, e così ci troviamo nello scatolone della Manifattura; e allora, bisogna pedonalizzare una parte del centro, aiutare chi vuole realizzare un’attività commerciale o un esercizio pubblico, smetterla di conceder permessi per nuovi supermercati, fare nuovi parcheggi, creare percorsi per i disabili o le carrozzelle.

  10. paolo scrive:

    Caro anonimo, leggendo le osservazioni di Francesca giungiamo già ad una conclusione: Pistorius, per quanto sia una persona degna di rispetto e stima, rappresenta un costo inutile. Sono anni che il cinema ha bisogno di un investimento per renderlo fruibile. negli scorsi anni, sono state fatte raccolte di firme per non perderlo, fino a convincere la Cineteca a metterci la sua esperienza e la sua professionalità per farlo sopravvivere. La Cineteca ce l’ha fatta con un programma ben misurato, ma l’amministrazione ha preferito spendere soldi in pistorius piuttosto che valorizzare le competenze e le strutture che ci sono qui. Diciamo la verità: i soldi non si spendono per il bene della comunità, ma per il bene della propria parte politica e dei propri voti.