Gemona, città del presepe

Natività

Tempo d’avvento, tempo di presepi. La tradizione si rinnova alla scuola “Santa Maria degli Angeli” di Gemona, dove da più di dieci anni gli studenti hanno dato vita a un percorso di condivisione e riflessione sul significato del Natale denominato “Progetto Presepio”. L’idea è semplice: invitare personaggi più o meno famosi a dipingere una piccola statua di gesso da inserire all’interno del presepe, che nel corso degli anni è cresciuto sempre più, fino a raggiungere i diecimila elementi, provenienti da tutti i continenti.
Un piccolo gesto, un po’ di colore e la voglia di stare assieme per abbattere, in senso metaforico, le barriere politiche, religiose e geografiche, facendo così comprendere agli alunni della scuola il senso della dignità e dell’uguaglianza nella diversità.
Personaggi noti nel mondo dell’arte, della politica, stampa, televisione, sport e scienza ogni anno si dilettano in mezzo ai ragazzi e ai numerosissimi amici locali. Un messaggio di pace e di dialogo culturale. Il presepe, che quest’anno ha come titolo “Siamo comunità di pace”, sarà visitabile fino al 31 gennaio 2013 presso la scuola di Santa Maria degli Angeli in via Dante.
Il presepe è inoltre inserito all’interno dell’itinerario “Percorso presepi” che vede numerose installazioni, tra le quali “I mille presepi di Don Gastone” presso le sale d’Aronco di Palazzo Elti, (aperto dal 21 dicembre 2012 al 31 gennaio 2013), il presepe del Duomo, quello del Santuario di Sant’Antonio (aperto dal 25 dicembre al 2 febbraio 2013), della chiesa di San Rocco e quello presso la chiesa Parrocchiale di Santo Spirito di Ospedaletto realizzato dal Borc Taviele.[ap]

Tag:

I Commenti sono chiusi