Variante al piano regolatore: coazione a ripetere

Piano regolatore

Un consiglio comunale in doppia convocazione. La prima questa sera, lunedì 7 gennaio alle ore 18.30, la seconda mercoledì prossimo alla stessa ora. A nostra memoria, a Gemona non era mai accaduto. Per qualcuno è un segnale di debolezza politica del sindaco Paolo Urbani, per altri l’attestazione della sua volontà di imporre le proprie decisioni. Alla prima convocazione, infatti, per raggiungere il numero legale è necessaria la maggioranza assoluta (11 voti), mentre alla seconda sarà sufficiente una maggioranza relativa. L’argomento in discussione è scottante: l’approvazione della Variante n. 48 al piano regolatore comunale predisposta dal vicesindaco Roberto Revelant. Con la scelta della doppia convocazione, il sindaco di Gemona pare voglia tutelarsi da eventuali “malattie” dei suoi 12 consiglieri, com’era accaduto lo scorso 18 dicembre, quando Paolo Copetti ed Ester Zearo della lista “Per Gemona” erano risultati assenti. Allora il sindaco aveva “imposto” a Stefano Marmai la permanenza in aula, nonostante l’assessore alla cultura avesse un «interesse proprio» nella variante, e la legge lo obbligasse a uscire durante la votazione. La delibera fu sospesa il giorno successivo dalla Segretaria comunale. Questa sera, dopo aver recepito l’illegittimità della precedente deliberazione, il consiglio sarà chiamato nuovamente ad esprimersi. L’oggetto della contesa – lo ricordiamo – è tutto interno alla maggioranza che sostiene Urbani e riguarda le procedure adottate per “comporre” la nuova variante urbanistica. Alcuni consiglieri comunali avrebbero dimostrato forti contrarietà in merito a certe scelte riguardanti modifiche nelle destinazioni d’uso di terreni da agricoli a edificabili.
Per quanto riguarda Con te Gemona ci atterremo alla linea della seduta precedente [], marcando ancora una volta la nostra contrarietà a queste modalità di gestione della cosa pubblica e del patrimonio urbanistico.

Tag:

I Commenti sono chiusi