Un impegno concreto per i candidati: far partire i cantieri del “Magrini”

Liceo Magrini - Gemona

I candidati locali alle elezioni provinciali e regionali si impegnino fin d’ora, se saranno eletti, a garantire l’avvio immediato dei lavori di ampliamento del liceo “Magrini”. È dall’estate del 2011, quando assessore provinciale all’edilizia scolastica era Mario Virgili, che studenti, famiglie e insegnanti si sentono fare promesse di un’imminente apertura dei cantieri. A oggi però tutto è ancora fermo. Vista la crisi in cui versano i bilanci degli enti locali, temiamo che i ritardi possano continuare, e non vorremmo che a qualcuno venisse l’idea di dirottare i fondi stanziati per l’istituto di via Praviolai su altri capitoli di bilancio.
Nonostante negli ultimi tre anni vi sia stato un fisiologico assestamento verso il basso delle iscrizioni, gran parte delle classi del “Magrini” sono ancora costrette a “ruotare” al cambio di ogni ora a causa della mancanza di spazi adeguati. L’ampliamento è necessario e urgente: si tratta di una decina di aule che offrirebbe nuove potenzialità e prospettive al liceo. Tanto più necessario viste le difficoltà che il mondo della scuola sta vivendo a seguito dei tagli del Governo, difficoltà che si ripercuotono in special modo sugli istituti di provincia sottodimensionati.
La politica locale ha il compito prioritario di concentrare i suoi sforzi sulla formazione delle future generazioni. Il polo scolastico di Gemona è una delle risorse più preziose del territorio Non solo costituisce un ambiente formativo di eccellenza, ma rappresenta un’opportunità di sviluppo e un volano di idee e di progettualità per l’intero contesto culturale, sociale ed economico. Tra tutte le urgenze, quella educativa è preminente rispetto alle altre. Di qui la rischiesta di “Con te Gemona” a tutti i candidati locali alle prossime elezioni affinché si esprimano in modo chiaro e deciso in difesa del polo scolastico gemonese e, più specificamente, si facciano carico di sbloccare l’inizio dei lavori di ampliamento al liceo “Magrini”.

I Commenti sono chiusi