Serracchiani: una nuova mobilità

Mobilità

«Assicurare l’incremento dell’utenza, la flessibilità dei servizi, l’integrazione gomma-ferro, la coesione sociale» attraverso un «nuovo modello di governance, basato sul rapporto Regione-Comuni», l’intermodalità passeggeri e «l’integrazione degli strumenti di pianificazione urbanistica e del traffico». Sono alcune linee guida che orienteranno l’azione della nuova giunta regionale nel campo della mobilità. Parole rilasciate dalla neopresidentessa Debora Serracchiani al Comitato Pendolari Alto Friuli che l’ha intervistata a pochi giorni dalla sua elezione. Mentre si attende la designazione dell’assessore alla mobilità, che prenderà il posto di Riccardo Riccardi, il Comitato rilancia le proprie proposte, nella speranza che i numerosi problemi degli ultimi anni trovino una “sponda” disponibile e attenta nel governo di centrosinistra.
Per quanto riguarda la Gemona-Sacile, Debora Serracchiani conferma la volontà dell’amministrazione regionale di riaprire la linea, trasferendo la proprietà della tratta dallo Stato alla Regione, che dovrebbe gestirla direttamente dopo anni di conduzione improduttiva da parte di FS.
Il testo completo dell’intervista sul sito del Comitato Pendolari Alto Friuli [QUI].

Tag: ,

I Commenti sono chiusi