Archivi per la categoria ‘Friuli’

Ancje la lenghe e à i siei dirits

lunedì, 19 marzo 2012

Lenghe

Il Comun di Glemone, in colaborazion cul Sportel Sorecomunâl pe lenghe furlane dal Glemonàs e cu la Societât Filologjiche Furlane, al organize un “Cors pratic di lenghe e culture furlane”. Il cors, ch’al durarà par 12 lezions di dôs oris ognidune, al sarà curât di Fausto Zof e al frontarà argoments sicu la grafie “normalizade”, la gramadie di base e la traduzion. La zornade e l’orari a saran definîts cui corsiscj (preserâl o serâl), tacant cul incuintri di presentazion dai 30 di Març dal 2012. Lis iscrizions al cors si puedin fâ dentri di vuê, Lunis ai 19 di Març, indreçansi al Sportel Sorecomunâl pe Lenghe Furlane dal Glemonàs [CHI].
L’iniziative e cole intun moment delicât pe lenghe furlane e, plui in gjenerâl, pes lenghis minorizadis, che in Italie a son plui di une desine (sloven, cravuat, albanês, catalan, grêc, ladin, ocitan, sardegnûl, todesc, francês e francoprovençâl, …). In chescj dîs il Consei dai ministris al à fat bon un disen di leç in mert ae Cjarte europeane des lenghis regjonâls o minoritariis [], prin pas pe ratifiche dal document che il Consei d’Europe al à fat bon 20 agns indaûr e che il Stât talian al à firmât tal 2000. Cumò i tocje al Parlament di Rome votâlu e cheste si spere ch’e sedi la volte buine. E sarès un’altre dimostrazion – s’e covente inmò une – che i “parons dal vapôr” dai ultins 10 agns, soredut i leghiscj (ancje furlans) ch’a si son jemplâts la bocje di Europe dai popui, di identitât e di valôr des “lidrîs”, a àn dome striçât cevole tai voi de int, cence bati un claut in fat di dirits “reâi” des minorancis lenghistichis e dal popul furlan.

Pe Regjon il furlan nol covente

sabato, 6 agosto 2011

Bandiere patriarcjine

Ancje tes piçulis robis – ma ch’a tocjin derits fondamentâi – si po tamesâ la serietât e la coerence di une classe politiche. Cualchi zornade indaûr il conseîr regjonâl Paolo Menis al veve presentât un ordin dal dì par impegnâ la maiorance a riconossi il master “Insegnâ in lenghe furlane”, organizât de Universitât di Udin, tant che titul culturâl pes graduatoris a esauriment, ch’a coventin par nomenâ i suplents. Si voleve cussì fâ cressi e valorizâ la professionalitât e lis competencis dai insegnants, in line cu la leç 482 dal 1999, ch’e à rindût aplicabil l’articul 6 de Costituzion e ricognossût al furlan il status di lenghe tutelade. Siben che ancje Renzo Tondo al vessi declarât che i insegnats a son la risorse principâl par promovi il furlan, il consei regjonâl al à decidût di no tegnî cont dal ordin dal dì e di no sburtâ il Ministeri de Istruzion a ricognossi il valôr dal plurilenghisim e des lenghis minoritariis te scuele. Chest a pet di grancj discors su l’identitât, di “parons a cjase nestre”, di nainis su la specialitât. E intant che la maiorance in consei regjonâl e dineave chescj derits ai insegnants di chenti, Danilo Narduzzi, referent dal grop consiliâr de Leghe Nord, si è svantât di vê gjavât vie 522 mil euro destinâts ae inmigrazion e di vêju metûts tal capitul istruzion e culture. Solite demagogjie, insome, di un guvier regjonâl che no si spiete l’ore ch’al vadi cjase.

Lis olmis dai lûcs

venerdì, 17 giugno 2011

Cartelli bilingui

I nons dai lûcs no son segns arbitraris. A puartin cun sè memoriis e savôrs. La storie di une comunitât e passe ancje pal «topos», pe inmagjine, vere o costruide, che si à di un teritori e pai nons che te storie si son dâts la volte. La toponomastiche e je une sience, fra tantis altris, par mostrâ in filigrane la vicende umane.
Usgnot, Vinars ai 17 di Jugn a lis 6 e mieze di sere, tal ambit dal cors di lenghe e culture furlane di Glemone, li dal Auditorium di «San Michêl», Franco Finco, insegnant di lenghistiche ae Universitât dal Friûl, al tignarà une lezione intitulade «Storie dal Friûl tai nons di lûc». Si fevelarà di toponomastiche de Patrie, duncje, cuntun voli di rivuart pal teritori di Glemone.
L’incuintri, curât dal Sportel sorecomunâl dal Glemonàs pe lenghe furlane e de Societât Filologjiche [], al è viert a ducj.

Diaspora italica

mercoledì, 20 aprile 2011

Elio Ciol: Stazione di Milano (1951)

Emigrazione. Storie di ieri, storie di oggi, storie di domani. Le persone si muovono, viaggiano in cerca di lavoro, comodità, una vita migliore. È una costante di tutti i popoli e in tutti i tempi.
Raccontare i flussi migratori dei friulani, le loro testimonianze, positive o dolorose che siano, aiuta i friulani di oggi ad essere più consapevoli della storia della propria gente, e aiuta i friulani di ieri a ricordare ciò che è stato, perché conservare la memoria è fondamentale per mantenersi saldi nel presente.
Questa sera, mercoledì 20 aprile, alle 21 al Cinema Sociale di Gemona verrà proiettato Friûl in Italie, il quinto documentario della serie Farcadice: Diari di viaç di Carlo Della Vedova e Luca Peresson.
Un film che racconta la complessa diaspora friulana interna alla penisola italiana, toccando le comunità di Venezia, Milano, Torino, Bergamo, Latina e Genova.
Dopo aver seguito le tracce delle ondate migratorie che hanno portato la diaspora friulana nel mondo, a Colonia Caroya (Argentina), Charleroi (Belgio), Umkomas (Sud Africa) e Toronto (Canada), Peresson e Della Vedova saranno presenti in sala per raccontarci e regalarci il loro personale e profondo mosaico di testimonianze raccolte.
I materiali cinematografici, utilizzati sia come corredo che come documentazione, provengono principalmente dalla Cineteca del Friuli, dal fondo Cinefiat dell’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa di Ivrea e dal catalogo dell’Istituto Luce.

Imparâ lis lenghis par no riscjâ l’estinzion

lunedì, 21 marzo 2011

Panda

I furlans a àn une lenghe propie, ma pe plui part no son alfabetizâts te lôr lenghe. E jè la storie di tantis fevelis di minorance ch’a no àn un Stât o une fuarce politiche che lis tuteli. Alore bisugne ingegnâsi dibessôi par vê garantît un derit che la scuele (publiche?) no garantìs. Cun buine pâs dai nazionaliscj padans – ch’a sberlin di «secession» – o di chei talians – ch’a svintulin il tricolôr tal non di Garibaldi o di Cavour – e si dismentein dal articul 6 de Costituzion.
Il Comun di Glemone, in colaborazion cul Sportel sorecomunâl pe lenghe furlane dal Glemonàs e cu la Societât Filologjiche, al à inmaneât un Cors di lenghe e di culture furlane di 12 lezions che si davuelzarà ogni Vinars tacant cul prin di Avrîl li dal Auditorium di Sant Michêl.
Tal cors, curât di insegnants de Filologjiche, si impararan lis nozions di fonde de gramadie e de sintassi de lenghe, si fevelarà di storie e di geografie dal Friûl, di art e di tradizions popolâr.
Lis iscrizions si puedin indreçâ dentri dai 21 di Març li dal Sportel sorecomunâl di Glemone (in municipi) o ancje a cheste direzion email.
[CHI la schede di iscrizion dal cors]

Talpe e diaspora

martedì, 18 gennaio 2011

Farc

Essere consapevoli del proprio passato può aiutarci a leggere il presente e a tentare di costruire un futuro possibile. Può essere questa la motivazione per non mancare alla proiezione di «Farcadice, diaris di viaç. Storie di emigrazione dal Friuli», quattro documentari realizzati da Carlo Della Vedova e Luca Peresson. L’appuntamento, proposto dalla Cineteca per il pubblico gemonese, si terrà domani sera, mercoledì 19 gennaio, alle ore 21 al Sociale.
Il lavoro, realizzato tra il 1999 e il 2008 attraverso diverse interviste a persone che hanno scelto o dovuto lasciare la propria terra, descrive le quattro ondate migratorie che in poco più di cinquant’anni hanno portato i friulani in diversi paesi, dall’Argentina al Belgio, dal Sudafrica al Canada. Dalle parole e dai volti delle persone intervistate emergono con chiarezza le differenze di ogni singola esperienza di «diaspora», da quella più dura e più sofferta come i racconti sulla vita dei minatori in Belgio, a quella tutto sommato più serena dei friulani in Sudafrica.
Al termine della proiezione, alla presenza degli autori, sarà possibile riflettere sulle emozioni che queste esperienze suscitano e sulle domande che inevitabilmente i nostri emigranti si sono posti nei loro percorsi più o meno travagliati: come fare a non perdere le proprie radici? Come trasmettere ai figli nati e cresciuti nel paese di arrivo alcuni valori e le memorie della terra d’origine? Dopo molti anni all’estero, come fare a non sentirsi un po’ stranieri in entrambi i luoghi? Domande che portano a risposte profonde e spesso assai complesse. Probabilmente le stesse che si pongono tutti i migranti. Anche quelli per cui oggi l’Italia e il Friuli rappresentano la loro Argentina o il loro Belgio.

Plodn-Sapade-Sappada è Friuli, non Padania

giovedì, 2 dicembre 2010

Acuile

Il referendum, svoltosi a Sappada nel marzo 2008 sul trasferimento dal Veneto al Friuli, aveva ottenuto un risultato plebiscitario inequivocabile: il 95% dei voti favorevoli, espressi dal 71% degli aventi diritto. Sappada era passata alla provincia di Belluno nel 1852, contro la volontà della popolazione, che nel 1966 ha cercato di annullare quel passaggio con un referendum, ma il tentativo fallì. Questa volta, però, sembra che la caparbietà dei sappadini possa essere premiata. Il Consiglio regionale del Friuli-vg, infatti, ha approvato martedì 23 novembre, a larghissima maggioranza, il testo presentato dal consigliere Edoardo Sasco dell’Udc, che appoggia pienamente la volontà dei promotori del referendum. Il testo approvato consiste in una mozione rivolta a Parlamento e Governo affinché approvino una legge che sancisca il passaggio del Comune friulano dalla Provincia di Belluno a quella di Udine. A favore di questo passaggio si sono già espressi i Consigli provinciali di Belluno e di Udine. Le ragioni che hanno spinto la stragrande maggioranza della gente di Sappada a chiedere nuovamente il trasferimento amministrativo sono di carattere storico, culturale, linguistico, ma anche religioso. Infatti, l’appartenenza di Sappada alla Diocesi di Udine non è mai venuta meno. Di fronte ad una così chiara e evidente volontà popolare di autodeterminazione ci sembra incomprensibile la posizione del presidente del Veneto Luca Zaia, che avrebbe affermato: «Non consentiremo che Sappada se ne vada in Friuli». Una posizione in netto contrasto con quella dei leghisti friulani, che viceversa starebbero lottando convintamente per portare Sappada in Friuli. Ci chiediamo allora se il federalismo, tanto sbandierato dalla Lega, consista nell’egemonia della «Padania lombardo-veneta», qualsiasi cosa essa sia, nei confronti dei loro vicini friulani, oppure in una vera autonomia nella solidarietà delle popolazioni che vi abitano. Ci auguriamo che il Consiglio regionale veneto, con maggior saggezza, sappia riconoscere le ragioni e la volontà espresse dalla gente di Sappada con uno dei più importanti strumenti di reale democrazia qual è il referendum popolare.

Friuli digitale, Trieste analogico

giovedì, 4 novembre 2010

Friuli - Trieste

A metà dicembre in Friuli si passerà al digitale. Un cambiamento che introdurrà, tra le altre novità, un canale televisivo riservato all’informazione locale e alle minoranze linguistiche presenti sul territorio. «È una conquista importantissima che mette la nostra regione alla pari di quanto avvenuto in Italia sino a oggi soltanto nella provincia Autonoma di Bolzano». Questo l’ottimistico commento dell’assessore regionale alla cultura Roberto Molinaro, cui però fa da contraltare un’altra notizia appena diffusa, pessima: la tutela della lingua friulana non avrà più una cabina di regia unitaria – per quanto abbia prodotto ben poco in questi anni – ma sarà «spacchettata» tra diversi soggetti e assessorati. Dopo la progressiva riduzione delle risorse per le lingue minoritarie, è arrivato il colpo di grazia: la frammentazione delle competenze che facevano capo ad un unico ente, il Silce (Servizio identità linguistiche, culturali e corregionali all’estero della Regione). L’ente cambierà anche nome, in Servizio corregionali all’estero e lingue minoritarie. Un’inversione dei termini che parla da sola. Le competenze relative alla promozione dell’insegnamento della lingua friulana, poi, prevista dalla legge regionale 29/2007, passeranno al Servizio Istruzione Università e ricerca della Regione. Con sede a Trieste. A quanto ci sembra, questa riorganizzazione non fa altro che complicare l’attuazione già alquanto insoddisfacente della legge regionale per la valorizzazione del friulano, in barba al dettato costituzionale che recita, all’art. 6: «La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche». Così, confidiamo almeno nel digitale. L’analogico finora ha prodotto ben pochi risultati.