Articoli marcati con tag ‘Concerto’

Assaggi primaverili

venerdì, 23 marzo 2012

Crocus

In attesa della Pasqua anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con gli “Assaggi di Primavera”.
Domenica prossima 25 marzo piazza del Ferro diventerà lo scenario del mercato enogastronomico, in cui saranno presenti i prodotti tipici del territorio a chilometro zero, al quale si affiancherà anche il “Mercatino degli Hobbisti”. Il pomeriggio sarà dedicato ai più piccoli con il laboratorio “Decoriamo la Pasqua”.
Sempre domenica, poi, alle 16.30 in Duomo ci sarà il concerto “Fac ut cor meum” con musiche di Vivaldi, J. Tomadini, A. Faraboschi, M. Montico ed F. Brito. Le musiche saranno eseguite dall’ Orchestra Academia Synphonica e dall’Orchestra del Conservatorio J. Tomadini di Udine. Molteplici i Cori coinvolti, tra cui il Coro Glemonensis e il Coro Kelidon di Gemona, che accompagneranno il Soprano Judith Pezoa. Dirigerà Rafael Sanchez Arana. [ap]

Gemona, il Natale e la musica

venerdì, 23 dicembre 2011

Picasso, Violini e grappoli

Puntuale come ogni anno torna a Gemona il concerto di Santo Stefano. Lunedì prossimo 26 dicembre alle ore 16.30 in Duomo, il coro Glemonensis, nell’anno in cui festeggia il 35° di fondazione, regalerà a tutta la cittadinanza qualche ora di ottima musica. Saranno eseguite opere di Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1849), compositore e direttore tra i più acclamati della prima metà dell’Ottocento.
Il concerto sarà diviso in due parti: nella prima verrà eseguito il Concerto per violino e orchestra in mi minore op. 64, uno dei più noti lavori del repertorio concertistico la cui fortuna si deve alla classica eleganza della scrittura e alla limpida bellezza delle melodie. Il violino solista sarà il giovane talento friulano Laura Bortolotto, mentre l’orchestra sarà quella dell’Accademia Naonis di Pordenone. La seconda parte sarà dedicata alla produzione sinfonico corale di Mendelssohn con l’esecuzione dell’Hör mein Bitten, inno per soprano solo, coro e orchestra e il più articolato Lauda Sion Salvatorem, dove il compositore alterna declamazione corale, sezioni contrappuntistiche e lirici interventi delle voci soliste che per l’occasione sono: Liliana Moro soprano; Chiara Brunello contralto; Alessandro Cortello tenore; Hektor Leka basso.
La formazione corale sarà composta dal coro Glemonensis (direttore Roberto Frisano); coro Zoltán Kodály di Passon di Pasian di Prato (direttore Davide Pitis); coro Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro (direttore Davide Pitis); gruppo vocale Citta’ di San Vito di S.Vito al Tagliamento (direttore Gioachino Perisan); coro femminile Lorenzo Perosi di Bagnarola di Sesto al Reghena (direttore Gioachino Perisan).

[Immagine: Pablo Picasso, Violini e grappoli (1912, part.)]

Musiche e pilote par San Roc

sabato, 13 agosto 2011

Glemone - San Roc

Doi apontaments, di sport e di musiche, vuê, Sabide ai 13 di Avost, te suage de sagre di San Roc. A lis 4 dopo misdì in vie Cella [] si podarà viodi la finâl dal torneu di pilote, il tradizionâl “tennis” glemonat zuiât cu lis mans e cuntune bale di grene e di corean []. A lis 9 di sere, invecit, il grop dai “?Cuinon¿” [] a presentaran lis lôr “musichis contadis e peraulis cjantadis”. La fieste di San Roc e jè tacade ai 5 di Avost e e larà indevant fintremai ai 16.
[CULÌ dut il program].

Della musica e degli dèi

giovedì, 7 luglio 2011

Suonatrice d'arpa

Un’antica leggenda irlandese narra che l’arpa fu inventata da Canola, una dea di Erin. Abbandonato l’amante a causa di un litigio, la dea, vagabondando in un bosco, sentì una musica bellissima, si fermò e cadde addormentata. Al mattino scoprì che era stata prodotta dal vento che soffiava attraverso i tendini di una carcassa di balena trasportata a riva dalle onde del mare. Da quella visione trasse l’idea per costruire la prima arpa.
Domani sera, venerdì 8 luglio, a partire dalle ore 21.15 presso i giardini del Castello, la Pro Loco propone una serata di musica celtica con il gruppo «Girotondo d’arpe», formazione di arpe folk a cui si affiancano il violino, il flauto, la voce ed il bodhran. I componenti dell’ensemble, attivo dal 2003, provengono da diverse realtà musicali e il repertorio proposto si ispira a melodie e motivi della tradizione irlandese e bretone, rielaborate per l’occasione. Una serata per coloro che credono, come gli antichi abitanti di Erin, che la musica sia un dono degli dèi: un ponte gettato tra l’umano e il divino.

Leggeri

sabato, 19 febbraio 2011

Piume

Lisêrs è il nuovo cd dei ¿Cuinon?, gruppo locale di musica folk in lingua friulana. Dopo due anni dall’esordio discografico, ora si ripresenta, sotto la valente guida del leader gemonese Roberto Foglietta, con undici brani e testi intensi, che toccano tematiche sociali, etiche, esistenziali. L’appuntamento è per domani, domenica 20 febbraio alle 20.45 presso il teatro «Lavaroni» di Artegna. Introdurrà la serata Aldo Giavitto, storico cantautore friulano, residente da alcuni mesi a Gemona. L’ingresso è libero.
Suoneranno, accanto a Roberto Foglietta (voce e chitarre), Amos Turchet (chitarre), Anna Mazzaro (basso), Antonella Maurizio (voce, flauto, xilofono), Federico Canciani (batteria), Lucia Zazzaro (violino), Massimiliano Mansutti (tastiere).

Nativitas

domenica, 26 dicembre 2010

Gesù bambino

Le festività del Natale risvegliano la voglia di stare insieme, di riscoprire la storia delle tradizioni popolari, il calore fraterno e l’amore verso le nostre comunità. Sarà così? E allora quale migliore occasione per ritrovarsi assieme che quella di un evento in cui l’incontro di storie e culture diverse dà luogo ad un pacifico confronto estetico e spirituale?
Novanta sono i concerti in programma per quest’anno che la coralità del Friuli -vg ha deciso di offrire alla nostra regione, con il festival di «Nativitas. Canti e tradizioni natalizie in Alpe Adria» dell’USCI Friuli -vg [].
Il festival ha toccato anche Gemona, e continuerà oggi, domenica 26 dicembre alle ore 16.30 in Duomo. In programma «Tra Avvento ed Epifania. Sette secoli di musica sacra in Friuli». Si esibirà il Coro Glemonensis diretto da Roberto Frisano. Verranno proposte musiche corali, solistiche e di pagine organistiche di autori friulani o attivi in Friuli, dai discanti cividalesi al Novecento, passando per i musicisti barocchi e classici dell’800.

Incantamenti gemonesi

giovedì, 26 agosto 2010

Fuochi artificiali

Ultimi appuntamenti dell’estate gemonese, quest’anno più ricco di sempre grazie all’impegno e alla creatività delle associazioni, Pro Loco innanzitutto. Nel fine settimana tornerà il festival «Gemona Incanta», con numerosi musicisti friulani che si esibiranno in vari spazi del centro storico. Sabato, a partire dalle 18, si potranno ascoltare: Alessandro Lepore (blues), Angelica Lubjan (pop), La stanza di Lucas (pop), Le Sympatic (swing), Cameramia (sperimental), Topen Lab (visual art). Mentre domenica, sempre dalle 18: Elsa Martin (pop swing), Alpha Box (sperimental), Mad4scramble (soul funky), The Casuals (pop rock), Collective White (jazz), Arbe Garbe (folk).
Accanto alla musica, uno spazio sarà dedicato alla parola. Sabato, alle ore 18 nei giardini del castello, letture in lingua friulana riprese dall’opera collettiva «Contecurte» []. Domenica alle ore 17.30 sempre in castello, Mariolina Patat presenterà il libro di Giuliana Pellegrini Tornant dal forest. Infine, domenica sera, spettacolo pirotecnico, a chiudere un’estate significativa per Gemona, in cui momenti di folkore e divertimento sono stati alternati da iniziative di spessore culturale.
[QUI la locandina dell'iniziativa]

La musica di Dio

mercoledì, 3 febbraio 2010

Organo_chiesa

Sembrerà old-fashioned in epoca di musica pop imperante e omologante, eppure non possiamo non rallegrarci che da alcuni mesi abbia preso il via il «Primo Festival Organistico Internazionale Friulano», che prevede una ventina di concerti tra novembre e febbraio. La nostra terra possiede un grande patrimonio organario, anche se viene poco sfruttato dal punto di vista artistico, e forse anche liturgico. Ben venga quindi l’iniziativa, promossa dall’Accademia Organistica Udinese [], di proporre una serie di concerti per valorizzare il più «maestoso» tra gli strumenti musicali e far conoscere i tanti capolavori della letteratura organistica. Tra tutti, quelli di Johann Sebastian Bach. Una tappa è prevista anche a Gemona: venerdì prossimo 5 febbraio. Ore 20.30 in Duomo. Suonerà Wolfgang Kreuzhuber. Musiche, fra gli altri, di Frescobaldi, Gabrieli, Michelangelo Rossi.
[QUI i dettagli dell’evento]